“Pensavo che mio marito russasse, così l’ho cacciato… Ma poi ho scoperto la verità.”

Dopo che Lisa Lee, 25 anni, si addormentò accanto al marito Lewis Little, 25 anni, pensò di sentire un suono di russare.

“Pensavo stesse russando, così l’ho spinto fuori dal letto per farlo smettere. Ma quando ho sentito che il lenzuolo era bagnato, ho capito che qualcosa non andava. Ho acceso la luce e ho guardato il suo viso livido perché non riusciva a respirare. Ho chiamato l’ambulanza, ma finché è arrivata, sembrava un’eternità”, ha dichiarato la donna con dolore, secondo quanto riportato da Metro.co.uk.

È rimasta scioccata quando i medici le dissero che l’uomo era già morto alcune ore prima e il “ronzio” che aveva sentito era in realtà il suono dell’aria che usciva dal suo corpo e toccava le sue corde vocali.

Lisa sapeva che suo marito soffriva della sindrome di Brugada, una condizione cardiaca. I medici gli avevano detto che avrebbe vissuto a lungo e che la sua vita non era in pericolo, ma sembra che sia morto solo un anno dopo la diagnosi.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA