Zoo costretto a rimuovere 5 pappagalli dalla vista del pubblico per aver imprecato ai visitatori

I pappagalli possono imparare un sacco di linguaggio ed è uno dei tanti motivi per cui sono uccelli così incredibili.

Ma a volte, la loro capacità di ripetere parole e frasi finisce per ritorcersi contro di loro.

Un santuario di pappagalli in Inghilterra ha recentemente affrontato questo problema quando cinque dei suoi pappagalli grigi africani hanno sviluppato un linguaggio piuttosto colorito.

Gli uccelli, che vivevano al Lincolnshire Wildlife Centre, continuavano a incoraggiarsi l’un l’altro a bestemmiare apertamente davanti ai visitatori e la cosa è diventata così grave che lo zoo è stato costretto a rimuoverli dagli occhi del pubblico!

Secondo AP News, l’amministratore delegato dello zoo, Steve Nichols, ha detto: “Siamo abbastanza abituati ai pappagalli che imprecano, ma non ne abbiamo mai avuti cinque allo stesso tempo. La maggior parte dei pappagalli si chiudono fuori, ma per qualche motivo questi cinque lo apprezzano”.

I famosi pappagalli bestemmiatori svelati…. #lincswildlifepark #lincolnshirewildlifepark #swearingparrots

Nichols ha rivelato a BBC News che le reazioni degli ospiti ai pappagalli che imprecano in realtà incoraggiano il loro comportamento. Ha detto che “giurano per innescare una reazione o una risposta”, che ottengono quando le persone ridono o si comportano in modo scioccato.

Gli uccelli in questione, Billy, Eric, Tyson, Jade e Elsie, sono stati divisi in due diverse colonie, lontano dalle orecchie del pubblico. La speranza è che gli uccelli raccolgano un vocabolario più appropriato con così tanti altri pappagalli intorno, ma c’è una piccola possibilità che potrebbe ritorcersi contro.

“Spero che imparino parole diverse all’interno delle colonie, ma se insegnano agli altri un linguaggio cattivo e mi ritrovo con 250 uccelli che dicono parolacce, non so cosa faremo”, ha detto Nichols, secondo BBC News.

Speriamo che gli uccelli si calmino un po’ per poter essere reintrodotti al pubblico!

Like this post? Please share to your friends: