ECCOMI MINUTI PRIMA CHE UN’HOSTESS MI COSTRINGESSE A GINOCCHIONI NELL’AEREO – IL MOTIVO MI HA SCIACCUATO

Kayla era in lutto per la recente perdita della nonna e voleva tornare a casa dopo il funerale, senza essere consapevole dell’incubo che l’aspettava durante il volo. Kayla è stata scambiata per qualcun altro e ha dovuto fare affidamento sulla sua intelligenza per affrontare le difficoltà in cui si trovava.

Нет описания.

Esausta dai giorni di lutto, desideravo solo cadere nel mio letto. Nel sesto mese di gravidanza ed emotivamente esausta per il funerale della mia nonna, avevo bisogno di riposo. Il funerale era stato duro, un commovente addio a una donna che era stata il mio punto di riferimento per tutta la vita.

“Sei sicura di voler partire oggi?”, mi chiese mia madre mentre preparavo la mia valigia. “Potresti aspettare qualche giorno, se hai solo bisogno di sederti con questa perdita.” Le sorrisi tristemente. “Lo so, ma devo tornare al lavoro e a Colin. Sai quanto mio marito fatica senza di me.”

“Probabilmente è meglio per te tornare nella tua zona di comfort,” disse lei. “Ma tuo padre ed io rimarremo fino alla fine della settimana per mettere a posto la casa della nonna e fare tutto ciò che deve essere fatto. So che papà non vede l’ora di tornare a casa.”

Schwanger fliegen: Risiken und Tipps | BRIGITTE.de

“Avrei solo voluto che la nonna potesse essere qui per vedere il bambino”, dissi, accarezzandomi il ventre. “È tutto ciò che ho sempre voluto.” “Lo so, tesoro”, disse mia madre. “Avrei voluto che tu e la nonna aveste potuto avere quel momento, ma almeno eri qui quando aveva più bisogno di te.”

Navigare tra le lunghe code in aeroporto, odiavo volare, ma era più facile che guidare fino a casa. Non potevo sopportare un viaggio in auto di dodici ore con la mia vescica che lottava costantemente contro di me.

Finalmente salii sull’aereo, pronta per il viaggio di ritorno da mio marito. “Prenderò questo, signora,” disse una hostess, prendendo la mia borsa. “Grazie,” risposi e mi sedetti sul mio posto. Il mio corpo bramava il riposo.

Schwanger fliegen: Jetzt heben wir ab, Baby! | Eltern.de

“Oh, odio volare,” disse la donna accanto a me. “È il peggiore. Ma odio anche guidare. Avrei dovuto semplicemente restare a casa.” Quasi ho riso perché ero completamente d’accordo. Le turbolenze mi rendevano nervosa e ansiosa, come se stessi perdendo il controllo con ogni scossone.

Quando mi appoggiai pronta al decollo, non riuscivo a liberarmi della sensazione che qualcuno mi stesse fissando. Girandomi, notai un uomo alcune file dietro che mi osservava attentamente. Il suo sguardo era inquietante, ma lo scartai come qualcuno che giudicava una donna incinta per il viaggio.

Il ronzio dei motori divenne un suono di sottofondo rassicurante mentre l’aereo iniziava la sua ascesa. “Finalmente”, disse la donna accanto a me. “Andiamo solo a casa.”

Schwanger Fliegen: Reisen in der Schwangerschaft - AirAdvisor

Non sapevo che un incubo stava per dispiegarsi.

Dieci minuti dopo l’inizio del volo, un’hostess si avvicinò a me con un’espressione severa sul viso. “Scusi, signora. Potrebbe seguirmi per favore?” chiese, con il suo profumo soverchiante. Riluttante, allacciai la cintura di sicurezza e la seguii nell’area vicino al bagno. Immediatamente il suo atteggiamento cambiò.

“Devi metterti immediatamente in ginocchio!” ordinò, facendo un cenno a qualcuno che non riuscivo a vedere. “Cosa succede? Perché? Cosa è successo?” esclamai, completamente scioccata.

“Adesso”, disse semplicemente.

Scioccata e confusa, obbedii. Mentre ero in ginocchio, non riuscivo a capire cosa stesse succedendo. Non avevo fatto nulla di male. L’uomo che mi aveva fissato in precedenza si avvicinò. “Dove è la collana d’oro che hai rubato?” chiese, con voce minacciosa.

“Di cosa stai parlando? Non ho rubato niente! Sono appena tornata dal funerale di mia nonna!” protestai. Fece un suono di disgusto e tirò fuori una serie di foto e documenti. “Questa sei tu al museo, due giorni prima che la mostra fosse spostata in hotel. Questa sei tu nella hall dell’hotel, dove è scomparsa la collana. Ti abbiamo seguito fino a questo aereo dopo essere scappata dall’hotel.”

Guardai le foto. Erano sfocate ma c’era una somiglianza sorprendente con me, anche se c’erano evidenti differenze. “Guarda”, dissi, indicando il mio polso. “La donna in queste foto ha un tatuaggio o una cicatrice sul polso. Guarda! Io non ho niente del genere!”

L’uomo esaminò i miei polsi, le sue mani fredde che afferravano rudemente. “Vedi? Nessun tatuaggio. Nessuna cicatrice. Niente. Hai la persona sbagliata!” insistetti. “E sono incinta! La donna nelle foto non lo è!” Sentii un’ondata improvvisa di paura per il mio bambino. Nella calura del momento, il mio bambino giaceva immobile.

“Ma potrebbe essere una copertura”, rispose lui, non del tutto convinto.

Mi chiesi se la polizia mi stesse aspettando all’aeroporto e se avrei potuto sfuggire a questa situazione. Volevo solo tornare a casa da Colin. Come se il pensiero di mio marito avesse risvegliato il bambino, un calcio improvviso al mio ventre mi fece agire impulsivamente. Senza pensarci, presi la mano dell’uomo e la posai sul mio ventre.

“No, non puoi fingere questo”, dissi. Lui sospirò, visibilmente sollevato ma anche molto imbarazzato. “Mi dispiace tanto. Assomigli molto a lei. Ero convinto che fossimo sulla buona strada. Devo aspettare fino a quando non atterriamo per affrontarlo.” “Guarda, capisco”, dissi. “Ma non sono lei. Sto solo cercando di tornare a casa.”

Poi l’incubo prese una piega più oscura. L’hostess tirò fuori una pistola. “Basta! Entrambi, mani dietro la schiena!”

Afferrò la sua borsa e tirò fuori delle fascette, legando prima le mani dell’uomo dietro la schiena e poi le mie.

“Non sei così stupida come sembri”, disse a lui. “Avevi ragione a seguirmi sull’aereo. Ma avevi la persona sbagliata in mente.” Un’altra ondata di paura per il mio bambino mi fece agire. Con le spalle voltate verso di me, vidi un’opportunità e la colpii il più forte che potevo. Lei inciampò e cadde, lasciando cadere la pistola. Ancora distratta, non aveva finito di legare le mani dell’uomo, quindi lui la aggredì.

Mentre lo faceva, abbiamo visto una collana d’oro appesa al suo collo. “Lei è la vera ladra”, disse lui, assicurandola. “Si è finta di essere altre persone per evitare l’arresto. Non ho idea di come sia riuscita a salire su questo volo come accompagnatrice.”

“Sei così coraggioso a fare quello che hai fatto. Grazie per averla fermata prima che mi legasse”, disse lui. “Ho solo avuto paura per il mio bambino”, dissi con un sospiro. “Ho agito per istinto.”

Il resto del volo è stato un’offuscata di scuse da parte dell’uomo e spiegazioni all’equipaggio e alle autorità.

“Sono il detective Connor”, disse, stringendomi la mano dopo. La donna è stata arrestata all’atterraggio, con circa quindici poliziotti ad aspettarla al gate.

“Mi dispiace veramente per quello che hai passato”, disse Connor. “Spiega semplicemente cosa è successo”, risposi, avendo bisogno di una chiusura prima di recarmi da mio marito. “Stiamo seguendo questa donna da mesi. Ha rubato oggetti di valore e ha usato travestimenti per evitare di essere catturata. Ho ricevuto una segnalazione che sarebbe stata su questo volo.

Quando ti ho visto con i tuoi capelli, ho solo pensato…” si interruppe, visibilmente pentito. “Hai pensato che fossi lei”, completai per lui. “Beh, non lo sono. E ora lo sai.” “Sì, e mi dispiace molto per l’errore, Kayla. Spero tu possa perdonarmi.”

Nonostante il tormento, provai una strana sensazione di sollievo. Quando attraversai le porte e vidi mio marito lì con tulipani gialli e un ampio sorriso, mi sentii subito in pace.

“Benvenuta a casa”, mi disse, abbracciandomi. “Sono così felice che tu sia tornata.”

Guidammo in silenzio verso casa e godemmo della presenza reciproca. Quando arrivammo a casa, mi sedetti con Colin e gli raccontai tutto ciò che era accaduto durante il volo. “Stai bene?” chiese con gli occhi spalancati. “Sei sconvolta? Dovremmo portarti da un medico per assicurarci che tutto vada bene?”

Schwanger fliegen - Baby wir heben ab! – Kurti & Frieda

“No”, risposi. “Sto benissimo. Volevo solo tornare da te a casa.” Mio marito mise le mani sul mio ventre e mi sorrise. “Sono contento che tu sia a casa”, disse ancora una volta, baciando il mio ventre.

Cosa avresti fatto tu?

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA