Quando è tornato a casa, ha scoperto sua figlia e sua moglie nella culla.

Matt e Dyana si conoscono fin da quando erano piccoli, e nel tempo il loro affetto è diventato più forte. Una meravigliosa bambina di nome Luella fa ora parte della loro famiglia da quando sono sposati.

Di recente, Dyana ha condiviso su Facebook una foto di sé stessa riposando accanto alla loro figlia, scattata dal marito. Il racconto che l’accompagna è così coinvolgente che leggerlo mi ha fatto rabbrividire. Spero che abbia lo stesso effetto su di te come ha avuto su di me.

Ce ne siamo accorti solo all’epoca perché nostra figlia Luella piangeva molto perché le stavano spuntando i primi denti. Per aiutarla a rilassarsi, mi sono seduta accanto a lei, e presto stavamo entrambi crollando.

Quando mi sono svegliata, Matt era già a casa. Sembrava preoccupato, e le lacrime gli rigavano gli occhi. Anche se inizialmente ero preoccupata, mi ha subito assicurato che era tutto a posto; era appena diventato emozionato.

Si è reso conto di quanto ci amasse quando mi ha visto con nostra figlia. Senza volerlo, gli abbiamo ricordato una storia che il nostro predicatore ci aveva raccontato in precedenza.

Mom shares the touching reason why she climbed into the crib with her baby

Un giorno avremmo lasciato Luella a casa e saremmo andati in chiesa. Dopo il servizio, abbiamo incontrato il pastore, e ci ha raccontato un episodio che aveva vissuto in un orfanotrofio in Uganda.

Come missionario, ha visitato scuole e orfanotrofi in tutto il mondo, ma il centro ugandese aveva un’atmosfera unica. Quando è entrato per la prima volta nella stanza enorme con circa 100 culle dove c’erano i neonati, è rimasto sbalordito dal silenzio “urlante”.

In una stanza del genere, ci si potrebbe aspettare di sentire qualcuno piangere, ma c’era completo silenzio.

Il prete non dimenticherà mai la risposta che ha sentito quando ha chiesto perché tutti i bambini si comportassero in modo anormale. I bambini arrivano all’orfanotrofio tutti urlando incontrollabilmente. Piangono per il dolore e chiamano i genitori per chiedere aiuto. Ma dopo una settimana, tutti si calmano. Capisco che non sono più necessari e non c’è nessuno a confortarli.

Il silenzio dei bambini è un sintomo del loro dolore interiore. I bambini sono consapevoli che nessuno verrà a prenderli e che forse non lo farà mai nessuno.

Questa storia ci ha completamente scioccati. Ci siamo impegnati a non ignorare mai più le grida dei nostri figli. Darò conforto a Luella anche se sono esausta, anche se sta piagnucolando nel cuore della notte.

Help! What To Do About A Baby Standing In Crib During, 48% OFF

Quando Matt ha visto Luella e me nella culla, ha capito tutto senza dire una parola. Ha preparato il pasto mentre dormivo. Mi ha preso e ha mormorato: “Ti amo più di qualsiasi cosa su questa terra”, mentre aprivo gli occhi.

Condividi il racconto di Diana con i tuoi amici se ti fa battere il cuore.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA