Ha agito in modo degno… Una conduttrice televisiva con un tatuaggio tradizionale māori sul viso risponde ai crudeli troll.

Una presentatrice televisiva adornata con un tradizionale tatuaggio facciale Māori ha risposto con grazia ai commenti troll di uno spettatore, riaffermando il suo orgoglio per il suo patrimonio culturale e la sua identità.

I tatuaggi facciali spesso scatenano dibattiti online, con alcuni individui che sostengono che i tatuaggi dovrebbero essere limitati al corpo, mentre altri abbracciano il significato culturale che vi è dietro.

Oriini Kaipara, 41 anni, una presentatrice televisiva all’avanguardia, ha fatto storia quando si è unita a Newshub della Nuova Zelanda come presentatrice di notiziari, diventando la prima presentatrice di notiziari in prima serata con un moko kauae, una marcatura culturale venerata indossata dalle donne Māori.

I Māori, il popolo indigeno polinesiano della terraferma della Nuova Zelanda, considerano il moko kauae come simboli profondi di eredità e identità. Questi tatuaggi facciali, tradizionalmente ricevuti sulle labbra e sul mento, simboleggiano i legami familiari di una donna, il suo ruolo di leadership nella sua comunità e onorano la sua discendenza, il suo status e le sue capacità.

Tuttavia, in mezzo agli elogi, un telespettatore, noto come David, ha espresso il suo disappunto per il moko kauae di Kaipara in una e-mail a Newshub.

“Continuiamo a obiettare vivamente a voi che usate un presentatore di notiziari Māori con un moko [moko] che è offensivo e dall’aspetto aggressivo”, ha scritto, secondo il Daily Mail. “Un brutto aspetto. Lei parla anche improvvisamente in lingua Māori che non comprendiamo. Fermati ora.”

Nonostante le critiche sprezzanti di David, Kaipara ha affrontato coraggiosamente il problema direttamente, condividendo screenshot dei messaggi sulla sua storia di Instagram e rispondendo con grazia e dignità.

Patrick Tauya Matope on LinkedIn: Eid Mubarak.....

“Oggi ne ho avuto abbastanza. Ho risposto. Non faccio mai così. Ho infranto il mio codice e ho premuto il pulsante di invio”, ha scritto in una storia di Instagram accompagnata da uno screenshot del messaggio di David.

Kaipara ha anche condiviso la sua risposta via e-mail a David, in cui ha scritto che non poteva prendere sul serio la sua lamentela “dato che non vi è alcuna violazione degli standard di trasmissione”.

Ha anche corretto la sua ortografia di moko, poiché David si era riferito al suo come “moku”.

Nella sua e-mail, Kaipara ha continuato: “Suppongo che le tue lamentele derivino da un luogo di preferenza su come uno deve apparire sullo schermo secondo te. I moko e le persone che li portano non sono minacciosi né meritano tale discriminazione, molestie e pregiudizi.

“Non vogliamo fare del male o avere cattive intenzioni né meritiamo di essere trattati con tale disprezzo”, ha continuato. “Ti preghiamo di astenerti dal lamentarti ulteriormente e di frenare la tua ignoranza culturale e pregiudizio per un’altra vita, preferibilmente negli anni ‘1800”.

Nonostante la dura critica di David, Kaipara è stata pronta a dichiarare che riceve principalmente commenti di lode e che i troll crudeli sono pochi e lontani.

In un’intervista con il New Zealand Herald poco dopo aver risposto alla lamentela di David, Kaipara ha parlato di quanto sia importante avere più sostenitori Māori: “Il fatto che la mia esistenza scateni alcune persone è testimonianza del motivo per cui abbiamo bisogno di più sostenitori Māori in ruoli chiave in ogni settore.”

New Zealand broadcaster, Oriini Kaipara becomes first person with Māori face markings to anchor Primetime news

Nel complesso, la risposta dignitosa di Kaipara serve come potente promemoria dell’importanza del orgoglio culturale e della resilienza di fronte alle avversità – e sta ispirando gli altri ad abbracciare la propria identità senza scuse e a sfidare atteggiamenti discriminatori.

Cosa ne pensi di questa storia? Facci sapere nei commenti!

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA