L’interno di questa casa solitaria vi sorprenderà… Rimarrete scioccati.

Situata a 2800 metri sul livello del mare, la misteriosa Buffa di Perrero si erge, guadagnandosi il titolo di “casa più solitaria del mondo”, considerata un’attrazione turistica non convenzionale nel pittoresco paesaggio italiano. Questo edificio isolato, situato sulle scoscese pendici delle Dolomiti italiane, è rimasto disabitato per un secolo, ma il suo fascino rimane intatto.

Mentre si scalano i contorni rocciosi delle Dolomiti a 2800 metri di altezza, si svela la Buffa di Perrero.Tuttavia, la storia dell’origine di questa casa singolarmente posizionata rimane ancora un mistero.Nel corso degli anni, ci sono state speculazioni su come gli operai, che si dice abbiano lavorato durante la Prima Guerra Mondiale, abbiano avuto accesso a questo terreno difficile per costruire una dimora lì.La confusa storia della Buffa di Perrero è avvolta da leggende.

Secondo la tradizione locale, i soldati italiani hanno eretto questo rifugio nascosto per cercare riparo dal cattivo tempo e rifugiarsi durante gli scontri con l’Impero Austro-Ungarico.Costruita con muri di mattoni, un tetto inclinato, quattro finestre incorniciate e una fila di sedie da campeggio, la struttura lascia molti a interrogarsi su come i materiali da costruzione siano stati trasportati in questo luogo remoto.

Per affrontare le sezioni pericolose del sentiero che porta alla mini-struttura, sono state installate scale di ferrovia e corde sulla Via Ferrata, la “strada di ferro”.Si crede che oltre un secolo fa i soldati durante la Prima Guerra Mondiale abbiano eretto la capanna per avere riposo, depositi e un punto di osservazione strategico contro le forze in avvicinamento dell’Impero Austro-Ungarico.

Durante il conflitto globale, lungo il fronte italiano, sono sorti numerosi “bivacchi” simili, poiché entrambi gli eserciti hanno combattuto a piedi e hanno bombardato le montagne con artiglieria pesante, causando valanghe e tragedie come il famigerato “Venerdì Bianco” sul Monte Marmolada nel dicembre 1916.I danni causati dalle condizioni meteorologiche rappresentano ancora una minaccia nella regione, e secondo i rapporti del giornale locale Il Dolomiti, la capanna è diventata “inutilizzabile” dopo il crollo del tetto.

Come è diventata famosa questa struttura isolata? Gli avventurieri possono sbirciare all’interno della misteriosa casa attraverso le scale di ferrovia, i pioli e le corde fissati alle ripide pareti rocciose della Via Ferrata. Tuttavia, l’interno di legno grigio potrebbe essere deludente e offrire solo alcune sedie di legno bianco e poco altro.

Lo spazio angusto con decorazioni in legno suggerisce che i soldati o gli esploratori moderni abbiano colto l’opportunità di rilassarsi, una scelta logica dato che alcuni sentieri delle Dolomiti possono richiedere circa una settimana per essere attraversati. Ispirato da questa singolare dimora, il Club Alpino Italiano di Auronzo (CAI), che monitora i sentieri nella regione, ha costruito un rifugio contemporaneo vicino al passo di Forcella Marmarole. Questo rifugio moderno può ospitare fino a 12 persone ed è stato posizionato in modo spettacolare da un elicottero, per dare l’impressione di una discesa dalla montagna.

Gli avventurieri disposti a intraprendere un impegnativo viaggio di cinque ore, in parte supportato da una seggiovia, possono esplorare questo spettacolare rifugio, che ricorda la Buffa di Perrero.

Come ogni famoso luogo di riferimento, la Buffa di Perrero ha ispirato imitazioni. Il Club Alpino Italiano di Auronzo (CAI) ha portato un rifugio moderno al passo di Forcella Marmarole con un elicottero, richiedendo un’escursione di cinque ore che culmina nella struttura apparentemente in discesa. Mentre offre una panoramica sull’edificio misterioso, l’ambiente circostante e le viste panoramiche rimangono le principali attrazioni di questo luogo remoto.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA