Un bambino di 5 anni con una malattia incurabile realizza il suo ultimo desiderio e muore tra le braccia di Babbo Natale

Mi sono sempre chiesto quanto divertimento abbiano coloro che interpretano il ruolo di Babbo Natale ogni anno durante le festività.

Il compito non deve essere facile: soddisfare tutte le aspettative dei bambini mi metterebbe personalmente sotto pressione. Tuttavia, deve sicuramente esserci una grande soddisfazione alla fine di ogni giornata.

Dopotutto, un bravo Babbo Natale ha il potere di far sorridere tutti i bambini, indipendentemente dal loro umore. Sapere che sta infondendo una sorta di magia in un mondo che ne ha tanto bisogno deve essere come un balsamo curativo per l’anima.

Tuttavia, pochi Babbo Natale hanno vissuto una situazione così impegnativa e tragica come Eric Schmitt-Matzen, un ingegnere meccanico e proprietario di Packaging Seals & Engineering, che si presenta ogni anno come Babbo Natale in eventi e concerti.

Secondo i rapporti, Eric ha ricevuto una chiamata urgente da un ospedale del Tennessee nel 2016, subito dopo il lavoro.

Eric ha rivelato alla stampa che dall’altro capo del telefono c’era un’infermiera che lo aveva chiamato perché nell’ospedale c’era un bambino di cinque anni, affetto da una malattia incurabile, il cui ultimo desiderio era incontrare Babbo Natale.

Eric si è precipitato in ospedale e ha incontrato la madre del bambino, che gli ha consegnato un regalo che suo figlio aveva espressamente desiderato per Natale: una figura di Paw Patrol.

Eric ha accettato il regalo e ha chiesto alla famiglia del bambino di aspettare fuori mentre incontrava il piccolo, non voleva piangere davanti al bambino nel caso in cui la sua famiglia si emozionasse.

Dopo la storia di Eric, è entrato nella terapia intensiva, si è seduto alla fine del letto del bambino e gli ha chiesto: “Cosa succede, ho sentito dire che ti perderai il Natale quest’anno?”

Dopo aver aperto il suo regalo, il bambino ha risposto: “Dicono che morirò. Come faccio a sapere quando arrivo, dove vado?”

Eric avrebbe poi chiesto al bambino un favore speciale.

“Quando arrivi alle Porte Perlacee, digli che sei l’elfo più importante di Babbo Natale, e so che ti faranno entrare”, ha detto.

Il piccolo si è alzato dal letto e ha abbracciato Eric. Quest’ultimo ha poi dichiarato alla stampa che il bambino di cinque anni è morto tra le sue braccia.

“Lui giaceva tra le mie braccia mentre sentivo che stava morendo”, ha spiegato l’uomo.

UN BAMBINO CON IL CANCRO MUORE TRA LE BRACCIA DI BABBO NATALE! 🎅🏼😔🖤🕊. Una esperienza molto triste per un uomo di 60 anni che lavora come Babbo Natale.

Dopo che l’emozionante esperienza di Eric ha guadagnato una certa notorietà virale a dicembre 2016, il suo resoconto degli eventi è stato messo in dubbio.

Il Knoxville News Sentinel, il primo a riportare la storia, ha pubblicato una nota editoriale all’inizio del suo articolo, rivelando che non poteva “verificare in modo indipendente” la storia di Eric.

Eric ha reagito e ha dichiarato che si sentiva ferito dai dubbi sulla credibilità della sua storia.

“Sento di essere stato usato e abbandonato”, ha detto in un messaggio di testo a TIME.

“Dal principio ho insistito nel mantenere la mia parola e nel non divulgare informazioni che potessero portare all’identificazione di queste persone.”

Ha aggiunto: “Ora vengo raffigurato come un bugiardo. Ho cercato di compiere una buona azione, ero convinto di raccontare la storia di ciò che mi è successo… e ora la stampa mi deriderà perché ho resistito.”

Questa storia mi ha commosso fino alle lacrime. Se anche il gesto di Eric vi ha toccato, lasciate un commento nel campo sottostante.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA