Ogni giorno, un bambino piccolo torna a casa dalla scuola piangendo finché suo padre non compare nella sua classe. Ecco perché

Joe, un bambino di otto anni, andava a scuola con i capelli raccolti in una coda di cavallo. Poteva sentire le risate dei suoi compagni mentre si avvicinava alla classe. Tutti usavano i suoi lunghi capelli per prenderlo in giro. Joe era distrutto, soprattutto perché stava facendo crescere i capelli per uno scopo. Quello che ha colpito di più questo giovane è che le prese in giro sono iniziate con il suo insegnante, il signor Cooper, un uomo dalle opinioni conservative. Era lui che spingeva gli altri a deridere Joe per i suoi capelli!

I genitori di Joe videro un cambiamento negli occhi del loro figlio mentre le prese in giro continuavano nei giorni successivi. Piangeva molto e rifiutava di dire loro cosa lo stesse tormentando. La signora Burns, l’insegnante di arte della scuola, relativamente nuova alla scuola, scorse Joe piangere un giorno nel bagno. Si avvicinò e lo incoraggiò a dirle cosa lo tormentava veramente. Joe esprimeva il suo dolore e menzionava di essere bullizzato ogni giorno.

“Hai un cuore meraviglioso.” “Non permettere a nessun altro di modificarlo, va bene?” consigliò. “Ma anche il signor Cooper si fa beffe di me”, disse Joe a quel punto. Non è giusto.” Grazie alla sua premura, il suo pianto finalmente si interruppe. “Alcune persone non smetteranno mai di essere bulli”, rispose la signora Burns, accarezzandogli la spalla. “Proverò a parlargli.”

“Non spiegare perché. Non ha il diritto di sapere nulla.” “Questo è il mio affare”, chiese Joe, gli occhi fissi sull’insegnante. “Certamente”, disse lei. Questo è solo tra te e me. Ma non hai nulla di cui vergognarti”, gli disse l’insegnante. “Ancora,” non voglio che loro lo sappiano”, ripeté il giovane, e la signora Burns annuì leggermente.

La signora Burns discusse dei capelli di Joe con altri insegnanti nei giorni successivi, e sembrava che la maggior parte di loro non gradisse. La signora Figgins, una di loro, disse: “Se gli permettono di far crescere i capelli a otto anni, diventerà un teppista alle superiori.” “A questa età, i bambini, soprattutto i maschi, hanno bisogno di disciplina.

La signora Burns decise di chiamare il padre di Joe e spiegare cosa stava succedendo, poiché si rese conto che doveva fare qualcosa sulla situazione di Joe. Patrick, il padre di Joe, commentò dopo aver appreso cosa causasse l’insoddisfazione di suo figlio: “La tua insegnante, la signora Burns, ha appena chiamato.” Mi ha rivelato tutto. I bambini ti stanno prendendo in giro? È per questo che piangi ogni giorno dopo la scuola?” chiese Patrick, inginocchiandosi davanti al figlio e guardandolo negli occhi.

“Non sono solo i miei amici.” “Il signor Cooper è il peggiore”, disse Joe, scioccando suo padre. Patrick conosceva il signor Cooper e pensava che fosse un bravo ragazzo; quindi, le sue azioni nei confronti di Joe lo sorpresero. Patrick chiese poi a Joe perché non avesse detto ai suoi amici perché si stava facendo crescere i capelli. Joe disse che non era affar loro, e Patrick concordò.

Qualunque sia la causa, il modo in cui trattavano Joe era terribile. “Hai assolutamente ragione, ragazzo. Ma sai una cosa. Credo che i capelli debbano essere tagliati. Hai finalmente raggiunto la lunghezza necessaria, e ho un piano”, rispose Patrick, chiaramente felice che suo figlio avesse raggiunto il suo obiettivo. La madre di Joe tagliò i capelli a suo figlio mentre Patrick riprendeva la scena su video.

Il signor Cooper incontrò Joe alla porta il giorno successivo, ma non aveva idea che anche Patrick fosse lì. “Joe, finalmente!” “Non sembri più una femmina!” gli gridò Joe. Il signor Cooper si fermò, “Oh! Perkins, signor!” quando notò che c’era anche Patrick. “Hai tagliato i capelli a tuo figlio? “Congratulazioni!” disse, tendendo la mano a Patrick.

Invece di scuotere la testa, Patrick tirò fuori il telefono e lo porse all’insegnante che aveva maltrattato suo figlio. Quando le riprese della notte precedente iniziarono a riprodursi, il signor Cooper fu sorpreso. “Capisco, signor Cooper, che hai sostenuto gli scherzi su mio figlio.” “Non me lo aspettavo da lei, signore”, ammise Patrick.

“Non sapevo che avrebbe donato i suoi capelli ai malati di cancro”, disse l’insegnante tremolante. “Va bene. Joe ha rifiutato di dire a qualcuno finché non aveva raggiunto il suo obiettivo. Abbiamo fatto volontariato in un ospedale per bambini nell’aprile dell’anno scorso. Se ne è innamorato e ha iniziato subito a farsi crescere i capelli. Tuttavia, quest’anno scolastico ha iniziato a tornare a casa piangendo perché tutti, persino il suo insegnante, lo insultavano.

“Pensi che sia giusto, signore?” rimproverò il ragazzo più grande, evidentemente imbarazzato dal suo comportamento. “Mi scuso, Joe.” “Signor Perkins, non ne avevo idea. Mia nipote ha appena fatto tre cicli di chemioterapia e ha perso tutti i capelli.” “Mio figlio e mia nuora avevano corrisposto con questa organizzazione che produce parrucche da contributi”, spiegò l’insegnante, gli occhi colmi di emozioni.

“Grazie, giovane”, disse il signor Cooper, spiegando che non ogni eroe indossa un mantello. “Ero completamente sbagliato.” “Accetta le mie sincere scuse.” Quel giorno, Joe fu l’eroe della sua stessa narrazione. Il resto della classe gli faceva domande e lo fiss.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA