Il cagnolino è rimasto al freddo per 5 giorni, aspettando i suoi padroni che l’avevano abbandonato: ecco chi è venuto

Nel bel mezzo di un paesaggio invernale, un cane sedeva pazientemente sulla neve, lo sguardo fisso sui volti dei passanti e delle macchine che passavano.

Erano passati cinque lunghi giorni da quando i proprietari del cane avevano preso la straziante decisione di lasciarlo fuori al freddo.

Le persone di buon cuore che passavano di lì hanno immediatamente sentito

il bisogno di aiutare il povero animale domestico, ma il cane, diffidente e timoroso, sfrecciava via ogni volta che qualcuno tentava di avvicinarsi.

È ritornato più volte nel punto esatto in cui era stato abbandonato, apparentemente convinto che i suoi proprietari sarebbero tornati a riprenderlo.

Con il passare dei giorni, il freddo pungente ha preso il sopravvento ed è diventato dolorosamente evidente che i proprietari del cane non avevano intenzione di tornare.

Gli astanti preoccupati si sono resi conto che l’animale aveva bisogno di assistenza urgente; non potrebbe sopravvivere in condizioni gelide per molto più tempo.

È stata fatta una chiamata al direttore di un rifugio per animali locale, che non ha perso tempo nel rispondere alla richiesta di aiuto.

Janine, la fondatrice del rifugio, è arrivata sul posto e ha incontrato il cane terrorizzato e tremante, disposto a mangiare ma riluttante a lasciare che qualcuno si avvicinasse troppo.

Imperterrita, Janine ha deciso di conquistare la fiducia del cane, tornando sul posto per tre giorni consecutivi.

Al quarto giorno, però, il cane non si trovava più; sembrava essere stato spaventato da una delle tante persone che cercavano di aiutare.

Fortunatamente, un raggio di speranza è emerso quando un residente locale ha chiamato un paio di giorni dopo, riferendo che il cane era stato avvistato nel suo cortile.

Questa volta, esausto e disperato, il cane è prontamente salito in macchina e si sono avviati alla clinica veterinaria.

Un esame approfondito non ha rivelato l’assenza di microchip, insieme a segni di grave denutrizione. Il cane era infestato dalle pulci e le sue zampe erano congelate, facendolo zoppicare.

Una squadra premurosa ha lavato e curato il cane dai parassiti, lavorando instancabilmente per riportarlo in salute.

Nei giorni successivi è stato trovato un rifugio temporaneo, che ha dato al cane tregua dalla sua straziante prova.

Ora la speranza è che si trovi presto una casa amorevole e per sempre dove questo cane resiliente possa conoscere il calore, il conforto e le cure che giustamente merita.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA