La reazione sorpresa di un cane che “odia” i gatti quando il suo padrone gli presenta un felino cieco adottato al rifugio

Una donna che non si considerava una persona da gatti e un cane con la reputazione di non andare d’accordo con i felini hanno cambiato idea quando hanno incontrato Bruno. Entrambi si sono innamorati di questo adorabile gemello cieco e malato.

Kelsey lavora da anni nei rifugi per animali. Di recente, in uno di questi rifugi ha incontrato un gatto molto speciale. Il felino in questione, che risponde al nome di Bruno, è cieco e malato. In particolare, soffre di peritonite infettiva felina, una grave malattia virale.

A differenza di molti suoi simili curati dall’associazione, non aveva trovato una famiglia e si trovava nella clinica veterinaria del rifugio dove riceveva le cure.

 

Kelsey non aveva mai pensato di adottare un gatto, ma con Bruno le cose sono cambiate. Per prima cosa lo ha accolto nel suo ufficio, come spesso faceva con gli altri residenti del rifugio.

“Ha vissuto nel mio ufficio e ha dormito sulle mie spalle mentre lavoravo […]. Era sempre di buon umore e amava tutti quelli che venivano a trovarlo”, racconta la giovane donna a Pets Radar.

Si è talmente affezionata a lui che ha deciso di adottarlo. Tuttavia, ha dovuto tenere conto di un parametro molto importante nel suo approccio: il suo cane Ed. Quest’ultimo, di 9 anni, non andava molto d’accordo con i gatti. Kelsey temeva la sua reazione all’arrivo di Bruno a casa.

Li introdusse gradualmente l’uno all’altro e fu sorpresa dalla reazione positiva di Ed al nuovo membro della famiglia. Una settimana dopo, “giocavano insieme e sono diventati migliori amici”, dice la loro proprietaria.

“Dico sempre che Ed è il mio cane e Bruno è il gatto di Ed”, scherza la signora. Bruno ha carattere e, nonostante sia cieco, ama correre. Sbatte, cade e si rialza per continuare il suo gioco, come se nulla fosse.

Questo ha sconvolto la percezione di Kelsey della vita con un gatto. “Non ho mai pensato a me stessa come a una persona che ama i gatti. Ho lavorato per dieci anni nei rifugi per animali e amo i gatti, ma non avevo idea che potessero avere un legame così speciale con le persone.

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA