Alla discarica, un cane randagio ha cercato di dare una zampa a tutti pur di ottenere aiuto

Quest’inverno il tempo è stato incostante, con un vero e proprio disgelo che si è sostituito a forti gelate e giornate di pioggia, con il cielo che ha versato acqua mista a ghiaccio sul terreno. Bertha, che aveva le fattezze di un cane da pastore, ma con un pelo più folto e riccio di quello tipico della razza, si presentava ogni sera all’ingresso in attesa dell’arrivo della sua benefattrice. I cani randagi venivano maltrattati nel quartiere, che preferiva gettare i propri avanzi nel bidone della spazzatura piuttosto che darli agli animali randagi.

Bertha era un cane di grossa taglia, ma il suo aspetto poteva sembrare intimidatorio solo a chi non la conosceva personalmente. Il cane era caro e affettuoso, appena vedeva una ragazza le correva incontro, non solo per il cibo ma anche solo per stare vicino a un umano. È per le lunghe coccole e le tenerezze che il cane apprezzava questi incontri.

La ragazza era una volontaria e aveva progettato di sistemare Bertha in uno dei rifugi, ma purtroppo non c’era posto disponibile. Ha cercato di dare da mangiare al cane e di dargli un po’ di affetto. Gli altri cani randagi, che avevano vissuto la loro vita per strada, erano felici di incontrarsi e mangiare, ma cercavano di stare lontani da Berta.

Il cambiamento avvenne una mattina, quando Berda abbaiò forte, informando la ragazza che era già lì. La volontaria ha portato il cibo, ma è rimasta molto turbata alla vista del suo reparto. Il cane era visibilmente infreddolito, la sua pelliccia era piena di neve e in alcuni punti era addirittura ricoperta di ghiaccio. Il cane le rivolse uno sguardo amichevole, fermandosi in una pozzanghera che aveva già iniziato a ghiacciare.

La ragazza si rese conto che per Berta sarebbe stato ancora più difficile sopravvivere all’esterno, così iniziò a pensare a un modo per attirare il cane all’ingresso, visto che in precedenza era sempre stata cacciata da lì. Non aveva un collare per Bertha e non sapeva come farsi seguire da un cane di grossa taglia.

Berda osservò la ragazza con attenzione, come se avesse capito cosa ci si aspettava da lei. Non appena la ragazza si avvicinò alla porta, Bertha le andò incontro e entrò rapidamente nell’ingresso. Nell’appartamento della ragazza, il cane si sedette sul tappetino e aspettò di essere invitato o meno a entrare.

Una volta nell’appartamento, Berta fece del suo meglio per far sentire la madre della bambina a casa, comportandosi in modo rispettabile e dandole una zampa non appena le fu chiesto. In cambio del suo comportamento esemplare, il cane chiedeva solo un po’ di affetto, soprattutto quando la donna la grattava dietro le orecchie.

La prima volta nell’appartamento, Bertha non si preoccupò nemmeno del cibo, era felice solo di stare al caldo, e la donna la lavò e la asciugò, offrendole anche di sdraiarsi su un morbido plaid. Dopo tutti i trattamenti, Bertha si addormentò felice, coccolando il giocattolo, che le sembrava il miglior regalo possibile.

 

Like this post? Please share to your friends: