La vita di un senzatetto è cambiata radicalmente dopo aver recuperato un anello di fidanzamento da 4.000 dollari che aveva trovato

Billy Ray, un ex senzatetto che viveva a Kansas City e chiedeva l’elemosina ai passanti, ha migliorato drasticamente la sua qualità di vita grazie a un atto di gentilezza.

Sarah Darling, una donna che passava di lì in quel momento, ha messo degli spiccioli in una tazza tenuta dall’uomo di 55 anni, ma è riuscita a perdere la fede nuziale insieme ai soldi quando è inciampata e l’ha fatta cadere.

Qualche giorno dopo, Harris decise di restituire l’anello alla donna, anche se pensava di venderlo per ottenere un guadagno extra. La valutazione che ha ricevuto per l’anello è stata di 4.000 dollari.

L’uomo ha detto dell’atto di gentilezza: “Non sto cercando di affermare di essere un santo, ma non sono nemmeno il diavolo”.

Darling e suo marito, Bill Krejci, hanno organizzato una raccolta fondi per Harris con l’intenzione di aiutarlo a riprendersi finanziariamente per dimostrargli la loro gratitudine per il suo aiuto.

Come ha spiegato Darling, “il nostro obiettivo era raccogliere mille dollari, e abbiamo organizzato la serata dopo aver sentito diverse persone il cui cuore è stato toccato dalla storia e ha espresso il desiderio di aiutare Billy Ray”.

L’evento di raccolta fondi ha raccolto un enorme sostegno e alla fine ha fruttato oltre 190.000 dollari in poco meno di tre mesi.

Quando Harris ricevette il denaro, si rivolse immediatamente a un avvocato che lo aiutò a mettere il denaro in un fondo fiduciario.

 

Da allora, il nostro eroe è stato in grado di acquistare un’auto e persino di versare un anticipo per una casa.

E non è tutto: i suoi familiari, che non lo hanno trovato per 16 anni e lo credevano morto, sono riusciti a rintracciarlo dopo la sua apparizione in televisione.

Si sono felicemente riuniti e Harris sta ora costruendo un rapporto con loro; questo include il rapporto con i nipoti, di cui ignorava completamente l’esistenza. Ha detto: “Quando penso al passato, sono solo grato che sia passato. Voglio dire, finalmente mi sento un essere umano”.

 

Like this post? Please share to your friends: