Un eroe casuale: il ragazzo si è preso cura dei suoi quattro fratelli

Il 15 marzo 2022, cinque bambini sono rimasti orfani nel villaggio di Verhnetoretske, a 78 km da Donetsk, a causa delle operazioni militari nella regione di Donetsk – la loro madre, una donna di 37 anni in fiore, è stata uccisa da una granata. L’ultima cosa che ha detto prima di morire è stata: “Sto bene”.

Per evitare che i suoi fratelli di 16 e 11 anni e le sue sorelle di 10 e 8 anni finissero in un orfanotrofio, Vyacheslav Yalov, appena diciottenne, ha ottenuto il permesso di diventare il loro tutore legale nonostante la sua giovane età.

Il giovane ha convinto le autorità di tutela di essere pienamente responsabile della loro educazione e del loro mantenimento fino all’età adulta, in quanto attualmente lavora part-time e sa come farlo, perché ha iniziato ad aiutare la madre quando era adolescente, dall’età di 12 anni.

I bambini sentono molto la mancanza di Marina e il fatto che ora non siano separati, essendo stati collocati in case famiglia, dà loro la forza di resistere, di non perdersi d’animo. A parte il fratello maggiore, gli Yalov minorenni non hanno parenti: la donna è cresciuta orfana, allevando i figli da sola, senza il marito.

Che cosa è successo?

Quel fatidico martedì di marzo, Marina e suo figlio maggiore Vyacheslav stavano tornando a casa quando all’improvviso, a circa 10 metri di distanza, esplosero due granate. Il ragazzo è rimasto solo stordito, mentre la donna è stata gravemente ferita ed è morta tra le braccia del figlio.

Divenuto la sera stessa il riluttante capofamiglia, Vyacheslav decise di trasferirsi al più presto in un luogo più sicuro.

L’insediamento a Drohobych dopo il disastro

I cinque fratelli e sorelle sono riusciti a raggiungere la loro piccola città ucraina vicino a Lvov – o meglio ad evacuarla – grazie all’aiuto di amici di famiglia. Qui le autorità hanno dato loro un piccolo appartamento di due stanze in un dormitorio, e viene dato loro tutto il sostegno di cui hanno bisogno.

Dopo essersi sistemato e aver accudito i bambini, Vyacheslav li ha iscritti a scuola, ha trovato un lavoro part-time e ha iniziato a prepararsi per l’università: intende studiare medicina o lingue straniere, ma non ha ancora deciso.

La vita quotidiana dei bambini è abbastanza organizzata. Molte cose per la casa Vyacheslav le ha comprate da solo – con i soldi risparmiati in precedenza, i letti a castello e la lavatrice sono stati regalati dai volontari della città, mentre le altre cose sono state aiutate e vengono aiutate da persone che ci tengono. Una delle stanze è assegnata alle sorelle e la stanza dei ragazzi ha persino i tappeti: dopo tutto il fratello maggiore ha ceduto i suoi letti ai bambini e ora ha il suo comodo letto, mentre fino ad allora il ragazzo doveva rifarsi il letto sul pavimento.

I ragazzi tengono pulita la loro casa, cucinano il loro cibo – cucinano zuppe, cucinano una torta usando la ricetta della madre.

La vita sta tornando in carreggiata

A poco a poco, tutto sta andando al suo posto, sono apparsi i progetti per il futuro. Vyacheslav Yalov ha organizzato il fondo di aiuto agli immigrati “I love Ukraine” – ha unito il suo cognome e l’amato Paese a cui è devoto. La famiglia di bambini, cresciuti negli anni, aiuta uno degli orfanotrofi; la più giovane Olivia è particolarmente contenta di questo fatto.

Nei piani di Vyacheslav l’apertura di un proprio bar con un paio di amici, molto probabilmente, sarà una caffetteria e pasticceria. È sicuro che tutto andrà per il meglio, perché ha esperienza nello sviluppo di progetti: ai tempi del liceo ha vinto gare d’appalto del Fondo per l’infanzia dell’UNICEF.

Vyacheslav Yalov chiede a chiunque sia interessato a lavorare con lui di non confondere il suo vero Instagram con le pagine false create da truffatori.

 

Like this post? Please share to your friends: