La vera storia di Balto, l’Husky che ha salvato migliaia di esseri umani

Molte razze canine hanno un esemplare con un nome proprio che trascende la storia per diventare una leggenda. In questo post, ricordiamo l’eroica storia di “Balto”, un misto di Siberian Husky e “lupo”, secondo la tradizione. In realtà, si trattava di un tipo di Husky “primitivo” – morfologicamente molto diverso da quello che conosciamo oggi – che ha una statua commemorativa al Central Park di New York per ricordare in eterno la sua impresa a beneficio dell’uomo.

Tutto ebbe inizio nel gennaio del 1925, quando i medici della città di Nome, nell’Alaska occidentale, iniziarono a rilevare i sintomi della mortale infezione difterica.

Anchorage, la città più vicina, dista più di 500 km ed era il luogo in cui si trovava il rifornimento di siero vitale. Gli inverni rigidi dell’Alaska, dove le temperature possono scendere a meno 50 gradi e la neve e il ghiaccio si misurano in metri, rendevano impossibile il viaggio. Gli aerei non potevano volare e l’unico percorso attraverso la natura selvaggia era una strada merci lunga 650 miglia. Balto Husky

Questa era la strada dell’Iditarod, che collegava Nome alla stazione ferroviaria di Nenana. In slitta trainata da cani, il viaggio durava di solito circa un mese, troppo lento per far fronte a un’epidemia che poteva uccidere migliaia di persone. Una staffetta era l’unica speranza.

Venti persone si sono offerte volontarie per quella che sarebbe diventata la “Grande Corsa della Misericordia”. Uno di loro, Leonhard Seppala, aveva alcuni dei migliori cani disponibili, gli husky, importati direttamente dalla Siberia. Seppala ha scelto il suo cane più esperto, Togo di 12 anni, per guidarli. Un altro volontario, Gunnar Kaasen, si è affidato a Balto, un cane di 3 anni.

Il siero arrivò a Nenana il 27 gennaio e fu fatto salire sulla prima slitta, poi passò da una all’altra a piedi per circa 24-52 miglia, fino a raggiungere l’ultima squadra, guidata da Balto e Kaasen.

Nonostante l’inesperienza, Balto è stato all’altezza della sfida. Anche quando i venti hanno sollevato in aria la slitta e tutti i cani, lui ha mantenuto la rotta. Lui e Kaasen si imbarcarono a Nome poco prima dell’alba del 2 febbraio. Per consegnare il prezioso carico ha impiegato un tempo incredibilmente veloce di 127,5 ore, circa sei giorni.Balto Husky

Tutti sapevano che molti cuori, mani e zampe avevano contribuito al salvataggio e che Togo aveva in effetti intrapreso il percorso più lungo e pericoloso. Ma Balto, il cane che ha guidato lo sprint finale, è diventato un simbolo di tutto: lavoro di squadra, coraggio, tenacia e speranza quando sembrava che non ce ne fosse motivo.

Balto morì nel 1933 all’età di 14 anni, ma il cane e ciò che rappresenta sono noti ancora oggi.

Migliaia di bambini lo visitano al Central Park di New York, dove si trova una statua di bronzo, o al Museo di Storia Naturale di Cleveland, dove una mostra speciale racconta la sua storia. Ogni marzo, squadre di cani da slitta provenienti da tutto il mondo vengono a competere nell’Iditarod, una gara che segue il percorso del siero.

E dopo il film Balto del 1995, la gente di tutto il mondo si è innamorata di nuovo di lui e molti hanno trovato un modo simpatico di onorare la sua memoria chiamando il proprio cucciolo Balto.

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA