Uno studente non riusciva a far volare il suo cane da salvataggio, ma si rifiutava di lasciare l’Ucraina senza di lui

Rishab Kaushik è uno studente del terzo anno di ingegneria del software che stava studiando presso l’Università Nazionale di Radio Elettronica di Kharkiv in Ucraina quando la Russia ha invaso il Paese. Rishab, che viene da Dehradun, in India, voleva lasciare il Paese e tornare a casa il prima possibile quando ha scoperto che non era sicuro, ma ha incontrato numerosi ostacoli per convincere i funzionari a permettere al suo cane da salvataggio, Malibu, di venire con lui.

Rishab ha adottato il cane durante il suo soggiorno in Ucraina per fargli compagnia durante gli studi. Ha chiamato il cucciolo “Malibu”, che significa “dolce”. Ma non avrebbe mai immaginato che tenere il cane con sé sarebbe diventata una lotta così immane o che le loro vite sarebbero state messe in pericolo per questo motivo.

I membri della famiglia del giovane, alcuni dei quali si trovavano in Ucraina con lui, sono partiti quando hanno potuto. Ma Rishab si è rifiutato di farlo, sapendo che il suo amato Malibu sarebbe rimasto solo e in pericolo senza nessuno che si prendesse cura di lui.

Rishab non è affatto solo nella sua situazione. Molte persone, ucraine e non, sono state costrette a prendere una decisione impensabile: restare nel proprio Paese mentre questo viene fatto a pezzi e rischiare la morte, oppure fuggire nei Paesi limitrofi ma lasciarsi alle spalle i propri amati animali domestici, dove probabilmente moriranno o non saranno mai più rivisti.

Alcuni Paesi europei stanno allentando le restrizioni all’immigrazione a causa della guerra russo-ucraina e permettono agli animali di passare nei loro Paesi insieme ai loro proprietari rifugiati ucraini. Ma non tutti hanno avuto la fortuna di poter portare con sé i propri amici pelosi.

Ma Rishab si è rifiutato di arrendersi, rivolgendosi a chiunque potesse ottenere i documenti necessari per permettere a Malibu di lasciare l’Ucraina. Il governo ha continuato a chiedergli documenti che lui non era in grado di ottenere a causa di tutte le chiusure in Ucraina. L’uomo ha persino pubblicato un video online in cui spiega cosa ha fatto per cercare di far approvare il volo del cane e chiede a chiunque voglia ascoltarlo di aiutarlo.

“Anche il mio cane è molto stressato”, ha detto Rishab. “È davvero spaventato per tutti gli attentati che stanno avvenendo, e piange tutto il tempo con tutti gli attentati che avvengono in giro”.

Guardate l’appello di Rishab per il ritorno del suo cane in India nel video qui sotto:

Tutto ciò che voleva era la sicurezza per sé e per il suo amato cane. E le persone hanno risposto alle sue accorate richieste. Il video ha suscitato grande attenzione e alla fine è arrivato alla People for the Ethical Treatment of Animals, comunemente nota come PETA. La PETA ha contattato il governo indiano e le norme sui viaggi degli animali domestici sono state rese temporaneamente più permissive per consentire a persone come Rishab di entrare in India con i loro animali domestici.

“In India c’era molta documentazione, la procedura era lunga. Ma in situazioni di guerra, avrebbero dovuto permettere ai loro cittadini di entrare. Così ho presentato un appello. Di recente è arrivato un memorandum in cui si afferma che gli animali domestici e persino i randagi sono ora ammessi senza NOC”, racconta Rishab.

Rishab è riuscito a fuggire dall’Ucraina e a rifugiarsi nel suo Paese con Malibu al suo fianco. Siamo felici di vedere che questo giovane coraggioso e il suo cane da salvataggio sono ora sani e salvi!

Tante altre persone e animali hanno ancora bisogno del nostro aiuto per mettersi in salvo e per ottenere i rifornimenti necessari per vivere come rifugiati in attesa di poter tornare nel loro Paese d’origine devastato dalla guerra.

GreaterGood sta lavorando duramente per sostenere i nostri partner sul campo nel fornire cibo e provviste alle persone e agli animali domestici in fuga dall’Ucraina. Potete aiutarci. La vostra generosa donazione sarà un faro di speranza e una fonte di aiuti molto necessari a chi ne ha disperatamente bisogno.

 

Like this post? Please share to your friends: