Un veterano e la sua squadra hanno schivato i proiettili per salvare 120 animali intrappolati in un rifugio

Un veterano dell’esercito britannico e il suo team di soccorso stanno aiutando gli animali in difficoltà e colpiti dalla guerra in Ucraina.Dopo aver lasciato l’esercito britannico, un veterano e la sua squadra di soccorso animali sono riusciti a salvare centinaia di animali abbandonati nel bel mezzo dell’invasione russa dell’Ucraina, non importa per cosa rischiano la vita, il loro unico obiettivo è aiutare le vittime dimenticate.

L’ex soldato Tom e il suo gruppo di salvataggio con sede nel Regno Unito, Breaking the Chains, hanno una missione: salvare, soccorrere e aiutare tutti gli animali in difficoltà.Vétéran et son équipe

Ma anche se sembra un compito facile, non lo è, perché lo fanno in mezzo ai bombardamenti russi e schivano persino i proiettili per farlo.

Tom
L’uomo inglese, cresciuto nello Yorkshire, è stato persino in prima linea per aiutare a far uscire gli animali dai rifugi bombardati. Finora, Tom e la sua squadra di soccorso sono riusciti a salvare oltre 700 cani e gatti dal paese devastato dalla guerra.

Inoltre, hanno consegnato oltre 100 tonnellate di cibo e forniture mediche ai rifugi per animali ucraini direttamente colpiti dalla guerra.

Il veterano e la sua squadra
Anche se il veterano ha lasciato l’esercito due anni fa, ammette che salvare gli animali intrappolati in Ucraina è una missione molto pericolosa.animaux sauvés

Tom ha detto al Mail Online:

È come un’operazione militare, per così dire. È una guerra, non un disastro naturale come un uragano o un tornado. Ci sono così tanti fattori da considerare.

Ci sono anche persone che hanno il compito di consigliare la strada da seguire, e spesso la missione si complica perché si trovano altre necessità.

Tom ha aggiunto:

Non sono solo gli animali nei rifugi che hanno bisogno del nostro aiuto, ci sono centri di salvataggio, allevatori, persone che hanno accolto animali randagi e abbandonati.

Recentemente, in una delle tante missioni, Tom e la sua squadra sono riusciti a salvare 120 animali intrappolati in un rifugio a Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, che è stata devastata dalle truppe russe, ma ci sono stati dei sopravvissuti.

Tom ha aggiunto:

Era un rifugio che era stato fatto saltare in aria due volte. Nessuno poteva andarci, nessuno poteva raggiungerlo e aiutare gli animali, così siamo entrati.

Il rifugio era vicino alla linea d’attacco russa e il bombardamento dell’artiglieria continuava intorno alla zona mentre gli animali venivano portati via. I cani abbaiavano come pazzi, erano molto spaventati, ma dopo un po’ si sono calmati e la squadra è riuscita a far uscire tutti gli animali.

Dopo il salvataggio, gli animali sono stati portati in un furgone al confine tra Ucraina e Romania e messi in vari rifugi. Lì hanno ricevuto cure mediche e tutte le attenzioni necessarie, ma la cosa migliore è che tutti sono salvi.

Le missioni sono difficili, poiché la maggior parte dei rifugi ha 500-600 animali, e Tom può salvarne solo 100 per missione.Ancien combattant

Veterano e squadra
Tuttavia, la visione di Tom per gli animali in difficoltà in Ucraina va ben oltre il salvarli dalla guerra. Di conseguenza, Breaking the Chains ha stretto un’alleanza con il centro di soccorso per animali Bus Dog, e insieme progettano di espandere un rifugio in Romania per ospitare 1.200 animali.

Veterano
Tom e la sua squadra hanno certamente fatto un lavoro incredibile in Ucraina, ma sanno che molti animali hanno ancora bisogno del loro aiuto.

Incoraggiano tutti i volontari o le persone che vogliono aiutare, dopo tutto, ciò di cui hanno bisogno sono mani premurose.

 

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA